PEI-AGRI

Consolidamento della filiera in Puglia

Obiettivi
Obiettivi

Consolidare e sviluppare la filiera della quinoa in Puglia attraverso una diffusione della sua coltivazione, ponendo attenzione all’ottimizzazione delle pratiche agronomiche, alla raccolta del prodotto, alle fasi di lavorazione del seme e alla molitura, per la produzione di sfarinati destinati ai mercati di nicchia (celiaci, vegani) in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Si intende, inoltre, valutare da un punto di vista “quanti-qualitativo” i materiali genetici di quinoa selezionati, nel corso degli anni presso il CREA-CI, per la loro adattabilità agli areali pugliesi

Attività
  • Valutazione di cultivar di Quinoa più idonee agli areali pugliesi;
  • Ottimizzazione delle tecniche agronomiche per la coltivazione della quinoa;
  • Miglioramento delle operazioni di raccolta;
  • Prove di lavorazione del seme (da semente e da consumo alimentare);
  • Prove di decorticazione;
  • Prove di molitura;
  • Valutazione dell’impatto ambientale;
  • Analisi impatto economico e di redditività;
  • Analisi di mercato;
  • Analisi della filiera.
Contesto

In Puglia, la diffusione della monocoltura del frumento o il suo avvicendamento a colture da rinnovo che stanno perdendo di redditività, fa emergere la necessità di esplorare e sviluppare nuove colture. La quinoa, per le sue caratteristiche qualitative e produttive, associate a limitate esigenze agronomiche, può rappresentare una valida alternativa negli avvicendamenti cerealicoli pugliesi.
L’area di coltivazione e la produzione nei principali paesi produttori di quinoa (Bolivia, Peru e Equador) sono almeno raddoppiate dal 1992 al 2010, mentre l’Italia ne ha importate 2.241 tonnellate nel 2016 (FAO e Commissione Europea).
La coltura è stata testata in Italia in diversi areali, fra cui quello pugliese, in cui il CREA-CER già da alcuni anni svolge attività di ricerca con l’obiettivo di selezionare genotipi superiori per produttività quanti-qualitative e adatte alla coltivazione in Puglia. Tra le linee valutate ne sono state selezionate alcune molto promettenti.

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
QUINOA ITALIA SRLS
Responsabile
quinoaitalia [at] gmail.com
Ruolo
Partner
Nome
ALIMENTA S.R.L.
Responsabile
info [at] alimentaonline.it
Ruolo
Partner
Nome
ARETE' S.R.L.
Responsabile
mbruni [at] areteonline.net
Ruolo
Partner
Nome
CASSANDRO S.R.L. UNIPERSONALE
Responsabile
info [at] cassandro.it
Ruolo
Partner
Nome
CIA PUGLIA
Responsabile
info [at] scianet.it
Ruolo
Partner
Nome
CREA - AA Agricoltura e Ambiente (Sede di Bari)
Responsabile
aa [at] crea.gov.it
Ruolo
Partner
Nome
DAUNIA & BIO SOCIETA' COOPERATIVA
Responsabile
rosariapapa [at] gmail.com
Ruolo
Partner
Nome
DISTRETTO AGROALIMENTARE REGIONALE SOC. CONS. A R.L.
Responsabile
milena.sinigaglia [at] unifg.it
Ruolo
Partner
Nome
L'ANTICA MACINA DI MAGAZZESE-SALAMIDA TOMMASO
Responsabile
giampimaga97 [at] gmail.com
Innovazioni
Descrizione

L’introduzione negli avvicendamenti colturali della quinoa, che interrompe i cicli biologici delle avversità dei cereali, contribuirà a migliorare i metodi di tutela dell’ambiente e ridurre l’impatto ambientale dell’attività agricola. La disponibilità sul mercato di seme di origine nazionale servirà a ridurre le emissioni di gas serra dovute al trasporto da altri continenti.
Dal punto di vista sociale, il progetto dovrebbe favorire la creazione di posti di lavoro, soprattutto nei segmenti a valle e a monte della filiera. Si attende inoltre un miglioramento della qualità dei posti di lavoro (soprattutto dal punto di vista ambientale e reddituale) nonché un positivo impatto sulla società civile e sui consumatori, che potranno disporre di quinoa di origine nazionale, di buona qualità e a basso impatto ambientale.