PEI-AGRI

Sviluppo e valorizzazione di una filiera maidicola canavesana basata sulla coltivazione di germoplasma locale

Obiettivi
Obiettivi

Il settore maidicolo nazionale e regionale sta subendo una pesante crisi economica; il Canavese, caratterizzato da aziende agricole medio-piccole è particolarmente colpito. Le filiere a destinazione alimentare rappresentano però un' eccezione e la specializzazione qualitativa risulta vincente. Si vuole pertanto costituire una filiera maidicola basata sulla coltivazione di varietà innovative di mais basate sul germoplasma autoctono del Canavese (Pignoletto rosso), al fine di fornire un prodotto ad alto valore aggiunto con una forte connotazione territoriale di filiera e un chiaro vantaggio nutrizionale e salutistico, garantendo al consumatore sicurezza alimentare e tracciabilità.
 

Attività

Per sviluppare la filiera territoriale innovativa le attività del progetto valuteranno: i) le varietà innovative più adatte all’ambiente di coltivazione e con i maggiori vantaggi produttivi, nutrizionali e sanitari; ii) i percorsi agronomici più idonei alla loro coltivazione, considerando sia sistemi colturali convenzionali sia biologici; iii) le tecniche di macinazione integrale innovative per massimizzare i vantaggi nutrizionali e organolettici delle farine. L’attività di disseminazione vuole favorire la diffusione della filiera produttiva sul territorio e la promozione dei prodotti sul mercato.
 

Contesto

Il mais per superficie investita e volume prodotti è la prima coltura della Regione Piemonte. Tuttavia, il settore maidicolo nazionale e regionale sta subendo una pesante crisi economica. Questa situazione è assai critica a livello nazionale, ma lo è maggiormente in areali tradizionalmente e geograficamente vocati a questa coltura quale il Canavese. Per assicurare una superiore competitività della maiscoltura regionale risulta necessario adottare quelle innovazioni che possano determinare una specializzazione qualitativa, individuando delle proprietà qualitative che rendano le produzioni di mais riconoscibili, indicate a precise trasformazioni e apprezzate sul mercato rispetto a quelle poco caratterizzate. 
L’innovazione proposta dal progetto è quella di sviluppare e valorizzare una filiera maidicola basata sulla coltivazione di varietà innovative di mais dal germoplasma autoctono del Canavese al fine di fornire un prodotto ad alto valore aggiunto con una forte connotazione territoriale di filiera e un chiaro vantaggio nutrizionale e salutistico. 
Le varietà tradizionali locali incontrano forti difficoltà nella realizzazione di una filiera di produzione di tipo ""industriale"" (capacità di controllo di costi, volumi, qualità standardizzata e definita) e la loro coltivazione è rimasta limitata. L’interesse per la valorizzazione dei caratteri qualitativi delle varietà tradizionali ha favorito un primo intervento di miglioramento genetico, con prime varietà stabilizzate innovative.
Perché questa innovazione possa essere fruibile dalla filiera produttiva è necessario un’attenta valutazione per selezionare i genotipi più produttivi e con le miglior caratteristiche qualitative.
 

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
MOLINO PEILA S.p.A.
Responsabile
Alessandro PEILA
alessandropeila [at] molinopeila.it
Ruolo
Partner
Nome
Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA) - Università degli Studi di Torino (UNITO)
Responsabile
Massimo BLANDINO
massimo.blandino [at] unito.it
Ruolo
Partner
Nome
AGRICOLTORI DEL CANAVESE SOCIETA' AGRICOLA COOPERATIVA
Responsabile
Bartolomeo MERLO
capac [at] legalmail.it
Ruolo
Partner
Nome
AZIENDA AGRICOLA MASSETTO STEFANO
Responsabile
Stefano Massetto
stefanomassetto [at] pec.agritel.it
Ruolo
Partner
Nome
Fratelli de Paoli Società Semplice Agricola
Responsabile
Simone DEPAOLI
fratellidepaoli [at] pec.agritel.it
Ruolo
Partner
Nome
AZIENDA AGRICOLA BORELLO DAVIDE
Responsabile
Davide BORELLO
davide.borello [at] pec.agritel.it
Ruolo
Partner
Nome
AZIENDA AGRICOLA ACTIS CAPORALE DAVIDE
Responsabile
Davide ACTIS CAPORALE
davidd91 [at] pec.it
Innovazioni
Descrizione

Organizzazione e sviluppo della filiera territoriale ad alto valore nutrizionale.
Le attività del progetto permetteranno la valutazione delle varietà innovative che attualmente sono e si renderanno disponibili nel triennio del progetto, nel contesto produttivo dell’areale. Verrà inoltre verificata con attenzione le tecniche agronomiche (sia in sistemi di agricoltura convenzionale, sia biologica) e le modalità di molitura (integrali sia a pietra sia a cilindri) più adatte a valorizzare le proprietà qualitative, nutrizionali e organolettiche delle varietà innovative. Tali attività di adattamento permetterà di raccogliere tutti gli elementi al fine di sviluppare una filiera territoriale per la produzione e la trasformazione di farine specifiche per prodotti gluten free di alto valore nutrizionale e sanitario. Per raggiungere questo obiettivo è quindi necessario mettere a punto un sistema di tracciabilità della filiera speciale, attraverso un contratto di coltivazione tra il molino e la cooperativa agricola e le aziende agricole. Il contratto di filiera avrà come elemento centrale l’individuazione di alcune varietà innovative di mais con le caratteristiche del germoplasma autoctono canavesano, afferenti a diverse classi di precocità, selezionate come le più idonee a perseguire l’obbiettivo di un chiaro miglioramento nutrizionale e tecnologico della granella di mais, ma con adeguata affidabilità agronomica, potenzialità produttive e ridotti rischi sanitari. Il contratto di filiera dovrà inoltre prevedere un attento disciplinare di coltivazione al fine di garantire un più costante raggiungimento degli obbiettivi produttivi e qualitativi della filiera e quindi della sostenibilità economica della stessa.
 

Settore/comparto
Cereali
Area problema
Organizzazione dei sistemi produttivi di frutti, semi da consumo e vegetali
Nuovi e migliorati prodotti alimentari derivati dalle produzioni di pieno campo
Sicurezza alimentare
Effetti attesi
Incremento dei margini di redditività aziendali
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto