PEI-AGRI

Sviluppo di filiere zootecniche basate su foraggi polifiti per superare le difficoltà dei comparti carne e latte e migliorare la sostenibilità degli allevamenti

Obiettivi
Obiettivi

Promuovere lo sviluppo tecnico ed economico di filiere di produzione di carne e latte bovini, basate su sistemi di alimentazione che impiegano prevalentemente foraggi da praterie polifite (erba fresca e fieno), sviluppare produzioni integrative a quelle zootecniche (piante eduli) nella logica della multifunzionalità e della diversificazione delle produzioni aziendali, promuovere l'adozione di soluzioni innovative per la gestione dell’allevamento al fine di migliorare l’organizzazione aziendale dei produttori primari e rafforzare il legame tra prodotti e territorio
 

Attività

Il progetto si articola in 7 WP e in 32 attività finalizzate a:

  • delineare lo stato e le potenzialità delle filiere di latte e carne da foraggi polifiti
  • migliorare l'organizzazione e dell'efficienza delle filiere basate su foraggi polifiti per applicare in azienda soluzioni innovative
  • sviluppare la filiera innovativa delle piante eduli per l’uomo sulle stesse risorse impiegate per l’ottenimento dei prodotti zootecnici
  • analizzare la domanda di prodotti da foraggi polifiti da parte di consumatori intermedi e finali
  • individuare strategie per il miglioramento dell’offerta di prodotti ottenuti da foraggi polifiti, la loro promozione e tutela.
Contesto

Dal 2015 anche in Piemonte è stata osservata una progressiva riduzione della competitività e della capacità produttiva delle aziende agricole legate alle filiere carne e latte, anche a causa di un contesto socio-economico in rapido cambiamento (modifica delle abitudini alimentari dei consumatori, crisi economica, instabilità nell’offerta, ecc.).
Sarà possibile superare tali difficoltà solo con interventi sull’organizzazione delle aziende e sulla struttura delle filiere, che portino a:
1. ridurre i costi di produzione, agendo sia sull'alimentazione degli allevamenti sia sulla trasformazione;
2. differenziare e valorizzare le produzioni, migliorandone le caratteristiche nutrizionali e salutistiche e creando le condizioni per spuntare prezzi maggiori alla vendita, anche al fine di migliorare la competitività delle aziende sul mercato;
3. ridurre gli impatti negativi dei sistemi di allevamento sull’ambiente e sul benessere animale e diminuire gli effetti negativi dei prodotti sulla salute umana, ottenendo un riconoscimento sul mercato delle esternalità positive generate; 
4. semplificare l’organizzazione delle filiere, promuovendo il più possibile le filiere corte e la valorizzazione dei prodotti a livello locale;
5. modificare il riparto dei ricavi tra i diversi attori di una stessa filiera produttiva. 
Nell’ambito del progetto si intende costituire un gruppo di operatori delle filiere latte e carne piemontesi la cui base sia rappresentata da produttori primari che intendono intervenire sulla differenziazione e valorizzazione dei diversi prodotti e sui costi di produzione attraverso l’adozione di un sistema di alimentazione degli erbivori basato su foraggi polifiti.

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA) - Università degli Studi di Torino (UNITO)
Responsabile
Giampiero Lombardi
giampiero.lombardi [at] unito.it
Ruolo
Partner
Nome
Dipartimento di Management - Università degli studi di Torino
Responsabile
Giovanni Peira
giovanni.peira [at] unito.it
Ruolo
Partner
Nome
CLUB AMICI VALCHIUSELLA
Responsabile
Lauretta Lancerotto
info [at] erbedivalchiusella.it
Ruolo
Partner
Nome
Caseificio Valle Elvo Società Agricola Cooperativa
Responsabile
Mario Simone
caseificio [at] cmve.it
Ruolo
Partner
Nome
Consorzio Regionale per il Consolidamento e lo Sviluppo della Cooperazione Agricola
Responsabile
Barbara Garassino
forestale [at] gestcooper.it
Ruolo
Partner
Nome
EFFE MARKET S.R.L.
Responsabile
Roberto Forelli
effe.market [at] gmail.com
Ruolo
Partner
Nome
KULTA SRL
Responsabile
Michela Paparella
michela [at] kulta.it
Ruolo
Partner
Nome
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna "B. Ubertini"
Responsabile
Emanuele Sangiorgi
emanuele.sangiorgi [at] izsler.it
Ruolo
Partner
Nome
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta
Responsabile
Francesca Martucci
francesca.martucci [at] izsto.it
Ruolo
Partner
Nome
La Granda Quality Food
Responsabile
Niccolò Clerico
direzione [at] lagranda.it
Ruolo
Partner
Nome
La Granda Trasformazione S.R.L.
Responsabile
Niccolò Clerico
direzione [at] lagranda.it
Ruolo
Partner
Nome
Masera Claudia d.i.
Responsabile
Claudia Masera
info.roseleto [at] gmail.com
Ruolo
Partner
Nome
Azienda Agricola Mazzurana Alessia
Responsabile
Alessia Mazzurana
mazzu_ale [at] yahoo.it
Innovazioni
Descrizione

Messa in rete delle diverse tipologie di operatori del GO 
 

Area problema
Attività di gruppi (*organizzazioni di produttori, cooperazione, centri di raccolta e stoccaggio dei prodotti, catene di distribuzione, ecc.), di forme organizzative della produzione e mercati
Effetti attesi
Incremento dei margini di redditività aziendali
Miglioramento commercializzazione
Descrizione

Pianificazione delle utilizzazioni foraggere - fienagione e pascolamento
 

Area problema
Interrelazioni tra pianta, suolo, acqua e nutrienti
Miglioramento delle risorse da pascolo
Effetti attesi
Miglioramento produttività
Tutela della biodiversità
Valorizzazione/tutela paesaggio
Descrizione

Organizzazione della gestione di un’azienda dimostrativa adatta a fronteggiare i cambiamenti climatici
 

Settore/comparto
Foraggi essiccati
Area problema
Produzioni animali con maggiore accettabilità dai consumatori
Effetti attesi
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto
Descrizione

Produzione di alimenti innovativi:
- carne da bovini di razze da latte
- piante eduli spontanee in prato-pascoli
- prodotti lattiero-caseari e carne da foraggi polifiti
 

Settore/comparto
Carni bovine
Latte e prodotti lattiero-caseari
Area problema
Nuovi e migliorati prodotti alimentari di origine animale (carni, latte, uova, pesce ecc.)
Nutrizione umana
Effetti attesi
Incremento dei margini di redditività aziendali
Miglioramento commercializzazione
Miglioramento qualità prodotto
Descrizione

Smart tools a supporto delle decisioni dell’agricoltore
 

Settore/comparto
Foraggi essiccati
Area problema
Obiettivo IV – Sviluppo di nuovi prodotti e processi e miglioramento della qualità dei prodotti
Cambiamenti strutturali dei sistemi agricoli
Promozione di servizi nelle aree rurali
Effetti attesi
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto
Risparmio energetico
Descrizione

Tutela e certificazione delle produzioni attraverso
- il marchio di filiera collettivo europeo “erba & fieno del Piemonte
- un disciplinare per la tutela delle produzioni da foraggi polifiti
- un protocollo per la certificazione delle quantità producibili a garanzia dell’autenticità, della qualità e della tracciabilità dei prodotti
- un protocollo per la certificazione della sostenibilità delle filiere latte, carne e relativi derivati
- un sistema di ranking degli operatori delle filiere in funzione della sostenibilità ambientale dei processi produttivi, di distribuzione e di commercializzazione, basato sulle normative di certificazione ISO 9001 e 14001
 

Settore/comparto
Carni bovine
Latte e prodotti lattiero-caseari
Area problema
Mantenimento della qualità nella distribuzione commerciale dei prodotti animali
Miglioramento dell’efficienza dei mercati dei prodotti agricoli e dei mezzi di produzione
Effetti attesi
Miglioramento commercializzazione
Incremento dei margini di redditività aziendali