PEI-AGRI

Portinnesti innovativi per migliorare gli aspetti quali-quantitativi delle produzioni orticole e dell'efficacia d'uso delle risorse

Obiettivi
Obiettivi

Si prevede di validare l'utilizzo di portinnesti innovativi per il melone cantalupo (Cucumis metuliferus) e la melanzana (Solanum aethiopicum e Solanum macrocarpon) per un sistema di produzione a basso impatto ambientale, caratterizzato da un'elevata efficienza d'uso dell'azoto. Pertanto, si prevede di sperimentare, validare e divulgare tecniche produttive ecosostenibili riguardanti l'uso dei portinnesti per massimizzare le performance quali-quantitative e l'efficienza d'uso dell'azoto del cantalupo e della melanzana coltivati in ambiente protetto ed in un sistema fuori suolo e in piena terra. Da ultimo i residui colturali  verrebbero impiegati nel compostaggio per uno smaltimento, quali ammendanti, in altri settori agricoli e la produzione di pellets ai fini energetici.
 

Attività

Azione n. 1 - Utilizzo di specie selvatiche ed affini alla melanzana ed al melone come potenziali portinnesti per l'incremento dell'efficienza d'uso dell'azoto (N); Azione n. 2 -  Valutazione dell'efficienza d'uso dell'azoto (N) e del contenuto di micro e macroelementi nella melanzana e nel melone in funzione del portinnesto; Azione n. 3 -  Effetto del portinnesto e delle dosi di azoto sulle caratteristiche vegeto-produttive delle piante e sulla proprietà  fisico-chimiche e  nutraceutici dei frutti di melanzana e melone; Azione n. 4 -  Prove di trasformazione; Azione n. 5 -  Introduzione e adozione di procedure di controllo e certificazione, disciplinari; Azione n. 6 -  Miglioramento della presentabilità e dell’identità del prodotto commerciale; Azione n. 7 -  Reimpiego di scarti di coltivazione; Azione n. 8 -  Dimostrazione, disseminazione e divulgazione dei risultati; Azione n. 9 -  Coordinamento, monitoraggio e gestione.
 

Contesto

La maggiore percezione dei consumatori verso prodotti orticoli di elevata qualità intrinseca ed estrinseca, salubri e caratterizzati da un processo produttivo a basso impatto ambientale ha permesso l'evolversi di questi aspetti come fattori discriminanti  e di forte competizione aziendale nell'ambito del mercato globale. 
Anche nel settore dell'orticoltura questo orientamento di mercato ha stimolato negli ultimi anni una crescente ricerca di sistemi di produzioni eco-compatibili in termini ambientali ed economici. 
In tale ambito, un ruolo fondamentale è svolto dalle strategie di tipo agronomico che portano ad innovazioni dei processi di produzione e che consentono la realizzazione di prodotti quanto più possibile rispondenti alle richieste di un mercato concorrenziale ed in forte progresso. 
L'adozione di tecniche agronomiche a basso impatto ambientale, come l'uso dell'innesto erbaceo in orticoltura, spesso determinano un incremento delle performance quali-quantitative delle produzioni, ed un significativo incremento dell'efficienza d'uso delle risorse come l'azoto (N). 
Il presente progetto aspira alla risoluzione di problematiche connesse con le esigenze di innovazione e riqualificazione del settore orticolo regionale e risponde con una delle iniziative riguardanti alcune delle criticità riscontrate in questo settore a livello nazionale ed unionale. Tra queste ricordiamo l'aumento dei fenomeni di inquinamento derivanti dall'attuazione di cicli colturali poco sostenibili e l'incremento delle esigenze ambientali ed alimentari.
L'idea progettuale ha come obiettivo finale la definizione di strumenti di incentivazione delle azioni di ricerca e sviluppo che promuovono l’innovazione e la cooperazione tra operatori della ricerca e imprese per la costruzione di nuove reti di partecipazione attiva.
Il settore dell'orticoltura in ambiente protetto, già caratterizzato da una marcata tendenza all'innovazione, beneficerà dalla messa a punto di approcci produttivi e organizzativi provenienti da iniziative di trasferimento tecnologico derivanti dalle attività previste nel presente progetto.

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
Piccione Leandro
Responsabile
Leandro Piccione
L.PICCIONE90 [at] GMAIL.COM
Ruolo
Partner
Nome
A.BIO.MED.
Responsabile
Giuseppe Alessi
INFO [at] ABIOMED.IT
Ruolo
Partner
Nome
SOCIETA' AGRICOLA BIO AGNELLO
Responsabile
Salvatore Agnello Modica
az.bioagnello [at] tiscali.it
Ruolo
Partner
Nome
C.V.F. SRL
Responsabile
Biagio Vitale
cvfsrl [at] virgilio.it
Ruolo
Partner
Nome
Società Agricola BIO GARDEN
Responsabile
Giovanni Savarino
biogardenispica [at] gmail.com
Ruolo
Partner
Nome
Azienda Agricola FIORELLINI SERGIO
Responsabile
Sergio Fiorellini
fiorellinisergio [at] pec.it
Ruolo
Partner
Nome
AZ. AGR. NATUR VERA SS. DI SPADARO GIOVANNI
Responsabile
Giovanni Spadaro
giovanniadsl.spa [at] tin.it
Ruolo
Partner
Nome
AZ. AGR. RAGUSA SENZIO
Responsabile
Senzio Ragusa
RAGUSA.SENZIO [at] PEC.IT
Ruolo
Partner
Nome
Azienda Agricola MAGLIOCCO FRANCESCO
Responsabile
Francesco Magliocco
newarci.rodolfo [at] virgilio.it
Ruolo
Partner
Nome
Azienda Agricola MAGLIOCCO SEBASTIANO
Responsabile
Sebastiano Magliocco
magliocco_sebastiano [at] virgilio.it
Ruolo
Partner
Nome
Azienda Agricola AGRIKAM
Responsabile
Vittoria Ragusa
gmezzasalma [at] abiomed.it
Ruolo
Partner
Nome
ASSOCIAZIONE AGRICOLA ALPA
Responsabile
Giuseppe Alessi
peppealessi2008 [at] pec.it
Ruolo
Partner
Nome
AZ. AGR. ALESSI GIUSEPPE
Responsabile
Giuseppe Alessi
peppealessi2008 [at] pec.it
Ruolo
Partner
Nome
AGRLINE SRL
Responsabile
Rosario Berardi
agrilinerg [at] pec.it
Ruolo
Partner
Nome
AZ. AGR. AREA VERDE
Responsabile
Angelo Borg
commerciale [at] areaverdevivai.it
Ruolo
Partner
Nome
SIALAB SRL
Responsabile
Pietro Munafò
commerciale [at] sialbsrl.it
Ruolo
Partner
Nome
PRO.SE.A. SRL
Responsabile
Francesco Celestra
servizi [at] prosea.it
Ruolo
Partner
Nome
CORISSIA
Responsabile
Claudio Leto
corissia [at] legalmail.it
Ruolo
Partner
Nome
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA TUSCIA
Responsabile
Ruggeri
rettore [at] unitus.it
Ruolo
Partner
Nome
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II
Responsabile
Gaetano Manfredi
ateneo [at] pec.unina.it
Innovazioni
Descrizione

Le innovazioni di prodotto e di processo da trasferire riguardano essenzialmente le tecniche agronomiche innovative per affrontare in modo sostenibile alcune importanti problematiche che interessano la coltivazione del melone cantalupo e della melanzana connesse, in particolare, agli aspetti relativi il miglioramento delle performance quanti-qualitative e la massimizzazione dell'efficienza d'uso dell'azoto. 
Piantine di melone cantalupo e melanzana saranno innestati su dei portinnesti innovativi (specie selvatiche ed affini) che attualmente sono impiegati solo a livello sperimentale. Le produzioni orticole, soprattutto quelle provenienti dall'ambiente protetto per la produzione di ortaggi fuori stagione, sono quelle maggiormente esposte ad input tali da garantire la massima produttività per giustificare gli elevati costi di produzione. Pertanto, queste produzioni espongono il consumatore a rischi ed impattano negativamente sull’ambiente in fase di processo. A tal proposito, anche nel comparto dell'orticoltura protetta possono applicarsi strategie ecosostenibili ed in grado di valorizzare dal punto di vista nutrizionale e nutraceutico il prodotto. Si tratta di metodi di produzione che consentono un incremento dell'efficienza d'uso dell'azoto con un eventuale riduzione dell'utilizzo di fertilizzanti di sintesi. Nello specifico, si prevede di migliorare le caratteristiche produttive, fisico-chimiche e nutraceutiche, nonché, la riduzione di fertilizzanti azotati tramite l'utilizzo di piantine innestate di melone cantalupo innestato su Cucumis metuliferus e di melanzana innestata su S. aethiopicum, su S. macrocarpon e su S. torvum (portinnesto comunemente utilizzato per la melanzana).  
3..1 I campi sperimentali realizzati all’interno dell’azienda capofila saranno valorizzati e utilizzati come impianti pilota modulari che tramite opportuni piani di divulgazione potranno essere replicabili presso le aziende partner.

Settore/comparto
Prodotti ortofrutticoli
Area problema
Obiettivo II – Protezione delle coltivazioni, degli allevamenti zootecnici e ittici e delle foreste da malattie, insetti ed altri nemici
Obiettivo III – Offerta di prodotti agricoli, forestali e ittici a costi di produzione decrescenti
Effetti attesi
Miglioramento commercializzazione
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto