PEI-AGRI

Modelli aziendali per la gestione efficiente e sostenibile del periodo di asciutta nella bovina da latte

Obiettivi
Obiettivi

L’obiettivo del progetto è quello di introdurre nell’azienda zootecnica pratiche gestionali che consentano di migliorare l’organizzazione aziendale con particolare riguardo agli animali in attesa di entrare in produzione al fine prevenire l’insorgenza di malattie e in particolare le infezioni mastitiche e di garantire così il benessere animale. Le pratiche gestionali suggerite, che mireranno soprattutto al contenimento dell’uso degli antibiotici, consentiranno di ottenere produzioni più sicure e salubri per l’uomo. Tali pratiche renderanno l’azienda più efficiente in termini produttivi garantendo una migliore sostenibilità ambientale ed economica.
 

Attività

Il progetto prevede una fase di mappatura sulle pratiche gestionali applicate sulle bovine in asciutta, un’analisi delle modalità attuate nelle tre aziende del GO, l’identificazione delle soluzioni innovative che consentano di razionalizzare l’uso degli antibiotici e la messa in atto di tali soluzioni. Verranno svolte un’analisi dell’impatto ambientale (Life Cycle Assessement) e della sostenibilità economica dell’applicazione delle strategie innovative. L’obbiettivo sarà quello di far ‘toccare con mano’quali possono essere i benefici in termini sanitari e di benessere animale, produttivi-riproduttivi, ambientali ed economici di una gestione più attenta del periodo dell’asciutta.
 

Contesto

Il comparto produzione latte ha da sempre un ruolo importante nella produzione agricola italiana e molti dati statistici lo testimoniano. 
Con 12 milioni t di latte l’Italia si pone al 5° posto in Europa per produzione di latte nel 2017 dopo Germania, Francia, Regno Unito e Paesi Bassi (Clal, 2017). La produzione è in costante aumento negli ultimi anni (+1,9% dall’anno precedente) e nel panorama italiano spicca la Lombardia: nei primi otto mesi del 2018 le aziende regionali hanno prodotto il 43% dell’intera produzione nazionale. 
Dal punto di vista economico il comparto lattiero-caseario italiano nel 2017 ha registrato un fatturato pari a 15,4 miliardi di euro e ha visto coinvolte 1500 imprese e circa 100 mila addetti (Assolatte, 2017).  Nell’azienda zootecnica da latte gli animali in lattazione sono il centro dell’attività produttiva; molto spesso tutta l’attenzione si concentra solo su questa categoria mentre le altre categorie tra cui le bovine gravide in attesa di partorire (bovine in asciutta) vengono invece considerate meno importanti. Una gestione oculata e attenta di questi animali invece consente non solo di ottenere elevate produzioni nella lattazione successiva ma indirettamente di contenere le emissioni di gas serra e ammoniaca dall’allevamento. Nella gestione del periodo di asciutta occorre inoltre salvaguardare il benessere e la salute degli animali; è per questo scopo che frequentemente in questa fase viene fatto un largo uso di antibiotici, in molti casi a scopo preventivo.  
 

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
Dipartimento di scienze agrarie e ambientali - Università di Milano
Responsabile
Luciana Bava
luciana.bava [at] unimi.it
Ruolo
Partner
Nome
Associazione Regionale Allevatori della Lombardia
Responsabile
Flavio Sommariva
Ruolo
Partner
Nome
BARONCHELLI SS SOCIETÀ AGRICOLA
Responsabile
Giuseppe Baronchelli
Ruolo
Partner
Nome
SOCIETÀ AGRICOLA COSSA FRATELLI E CUGINI
Responsabile
Gianluigi Cossa
Ruolo
Partner
Nome
SOCIETÀ AGRICOLA FRATELLI MONTI SS
Responsabile
Carlo Monti
Innovazioni
Descrizione

La prima azione di innovazione riguarda la diffusione dello stato delle conoscenze attuali relative alle modalità di gestione dell'asciutta applicate negli allevamenti di bovine da latte a livello nazionale con approccio multidisciplinare. Particolare attenzione è rivolta alla durata dell'asciutta, alle pratiche sanitarie applicate alle bovine, allla quantità e al contenuto di cellule somatiche del latte prima dell'asciutta, alle modalità di stabulazione e alimentazione. Le informazioni sono raccolte tramite questionario cartaceo e on-line, elaborate e divulgate.  
 

Settore/comparto
Latte e prodotti lattiero-caseari
Area problema
Controllo di malattie del bestiame, del pollame, delle ittiocolture ed altri animali
Nuovi e migliorati prodotti alimentari di origine animale (carni, latte, uova, pesce ecc.)
Miglioramento dei sistemi di statistiche agricole
Effetti attesi
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto
Salute consumatori
Descrizione

La seconda azione di innovazione è relativa al monitoraggio della gestione dell'asciutta nelle aziende partner attraverso diversi approcci che tengono conto dei diversi fattori che influiscono sulla salute e il benessere degli animali e sulla loro produttività. Approccio conoscitivo: raccolta di informazioni relativi a durata dell'asciutta, quantità di latte e contenuto di cellule somatiche alla messa in asciutta, pratiche sanitarie adottate, modalità di stabulazione, gestione generale della mandria e sua produttività, dell'alimentazione e della fertilità. Approccio analitico: raccolta di campioni lettiera e tamponi sui capezzoli per analisi microbiologiche, racolta di campioni di latte di bovine al termine e all'inzio della lattazione per analisi qualitative e microbiologiche per studiare le relazioni tra gestione dell'asciutta e qualità del latte. Approccio valutativo: stima del grado di pulizia delle lettiere e degli animali, stima della condizione corporea delle bovine. Approccio sensoristico: valutazione del benessere comportamentale delle bovine in asciutta, monitoraggio delle condizioni climatiche nei paddock. 
 

Settore/comparto
Latte e prodotti lattiero-caseari
Area problema
Controllo dei parassiti interni del bestiame, pollame, delle ittiocolture ed altri animali
Garantire prodotti alimentari esenti da contaminanti tossici
Miglioramento dei sistemi di statistiche agricole
Effetti attesi
Incremento dei margini di redditività aziendali
Miglioramento produttività
Miglioramento qualità prodotto
Descrizione

A partire di risultati raccolti nelle precedenti due innovazioni e all'identificazioni dei bisogni delle tre ziende partner saranno introdotte delle innovazioni tecniche e gestionali che consentiranno di migliorare la sanità, il benessere, la produzione e la fertilità della mandria. Le soluzioni innovative saranno di facile applicabilità, contenute nei costi e utilizzabili a lungo termine nell'azienda. Tali innovazioni potranno riguardare l'utilizzo di lettiere e ammendanti che migliorino la pulizia degli animali, all’utilizzo di integratori alimentari specifici per il periodo dell’asciutta stimolatori del sistema immunitario o finalizzati a prevenire dismetabolie nel post partum, uso di  prodotti sigillanti dello sfintere capezzolare, oppure strategie legate alla modalità di messa in asciutta.   
 

Settore/comparto
Latte e prodotti lattiero-caseari
Area problema
Controllo di malattie del bestiame, del pollame, delle ittiocolture ed altri animali
Nuovi e migliorati prodotti alimentari di origine animale (carni, latte, uova, pesce ecc.)
Miglioramento dei sistemi di statistiche agricole
Effetti attesi
Salute consumatori
Incremento dei margini di redditività aziendali
Miglioramento produttività
Descrizione

Quantificazione dell'impatto ambientale per kg di latte prodotto  nelle tre aziende partner. Questa azione di innovazione è quantomai importante in quanto le bovine in asciutta, pur non essendo in produzione, contribuiscono in maniera non trascurabile all'impatto ambientale complessivo della produzione di latte. Le gestione efficiente di questa fase può garantire un contenimento delle emissioni dell'azienda zootecnica. La valutazione dell'impatto ambientale verrà effettuata tramite approccio Life Cycle Assessment-LCA (analisi del ciclo di vita)  partendo da dati ottenuti dal questionario sulla gestione dell’alimentazione degli animali, modalità di stabulazione, gestione delle deiezioni, uso di fertilizzanti, gestione delle colture aziendali. La valutazione verrà fatta prima e dopo l'applicazione delle strategie di miglioramento effettuate sugli animali in asciutta.
 

Area problema
Studio e valutazione delle foreste e delle aree a pascolo
Nuovi e migliorati prodotti alimentari di origine animale (carni, latte, uova, pesce ecc.)
Effetti attesi
Miglioramento qualitativo delle acque
Miglioramento qualitativo dell’aria