PEI-AGRI

Innovazioni per la gestione sostenibile del vigneto e per la definizione dei criteri di certificazione di sostenibilità ambientale per l'azienda vitivinicola

Obiettivi
Obiettivi

Gli obiettivi del progetto sono:
-sviluppare e diffondere nuovi modelli di gestione agronomica che, grazie a una riduzione degli input (fitofarmaci, concimi, risorse idriche, ecc.), consentano una maggiore salvaguardia dell'ambiente;
-rafforzare i legami tra mondo produttivo e mondo della ricerca, assicurando un efficace trasferimento nel comparto vitivinicolo delle innovazioni tecnologiche e dei risultati della ricerca, sviluppati anche in altre aree e settori produttivi;
-incrementare la competitività del settore vitivinicolo della regione Friuli, rispondendo alla crescente esigenza del territorio di consumare prodotti eco-compatibili e salvaguardando la fertilità dei suoli.

Attività

Le attività previste comprendono:

  • lo sviluppo di tecniche e protocolli per la difesa fitosanitaria a basso impatto ambientale
  • la creazione e test di un modello di gestione della defogliazione per aumentare l'efficacia dei prodotti fitosanitari e massimizzare le produzioni
  • lo sviluppo di tecniche per la nutrizione sostenibile del vigneto
  • la messa a punto di protocolli per una corretta gestione del suolo
  • lo sviluppo e applicazione di un sistema di supporto per un uso efficiente dell'acqua irrigua nei vigneti
  • la valutazione dell'impatto ambientale connesso alle tecniche e ai modelli innovativi di gestione agronomica 
     
Contesto

Nell'ultimo decennio la regione Friuli ha assistito ad una forte espansione dei terreni destinati a vigneto, in particolare di prosecco e pinot grigio. I benefici economici derivanti da questo tipo di produzioni sono affiancati anche da alcune criticità legate all'impianto di vigneti anche in aree urbane o semi urbane, con modelli di gestione agronomica spesso intensivi, estremamente specializzati e meccanizzati e con ampio uso di prodotti fitosanitari. In tale contesto risulta prioritario considerare gli impatti sulla salute dell'uomo e sull'ambiente, applicando dei cambiamenti nella gestione dell'azienda per puntare non soltanto su rese e qualità, ma anche sul rispetto di questi aspetti.
Dall'analisi del contesto viticolo regionale risulta prioritario:

  • compiere progressi nell'ambito della difesa fitosanitaria, migliorando l'uso dei fitofarmaci e riducendo l'impatto ambientale
  • preservare la fertilità dei suoli, migliorando la gestione dei terreni e riducendo gli input di sostanze chimiche utilizzate in vigna (fertilizzanti e diserbanti)
  • migliorare la gestione delle risorse idriche naturali, attraverso un uso più efficiente e razionale dell'irrigazione del vigneto
  • accrescere la competitività delle aree viticole vocate della regione, sviluppando pratiche agronomiche in grado di preservare ed accrescere la qualità delle produzioni e promuovendo un'immagine di sostenibilità ambientale delle aziende vitivinicole.
     
Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
Cantina di Rauscedo società cooperativa agricola
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Consorzio di tutela della DOC prosecco
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Genagricola s.p.a.
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
I magredi s.a.s.
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Lorenzonetto cav. Guido s.s.a.
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
PERLEUVE S.R.L.
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
CREA-VIT - Centro di ricerca per la viticoltura ed enologia di Gorizia
Responsabile
Paola Cedarmas
paola.cedarmas [at] crea.gov.it