PEI-AGRI

INcremento del Sequestro del Carbonio nelle foreste dell’APpennino Emiliano

Obiettivi
Obiettivi

L’obiettivo del progetto è incrementare lo stock di C nelle faggete, tra gli ecosistemi forestali più diffusi in Italia e in Europa, nei diversi comparti in cui il C è conservato: biomassa vegetale, necromassa e sostanza organica nei suoli.

Attività

Per aumentare lo stock di C si effettueranno interventi di diradamento selettivo progettati per incrementare la crescita secondaria. Le piante diradate saranno lasciate in bosco, in piedi o al suolo, per incrementare lo stock di C nel legno morto e nel suolo. In questi trattamenti si studieranno la decomposizione del legno morto e del suolo. Saranno sperimentate tecniche di accatastamento del legname e l’aggiunta del castagno (donatore di tannini) per ridurre i tassi di decomposizione. Si arricchirà il suolo con biochar per incrementare lo stock di C. Si testerà l’effetto del biochar sulla germinazione e sulla sopravvivenza delle giovani piante di faggio e cerro.

Partenariato
Ruolo
Capofila
Nome
Università degli Studi di Parma
Responsabile
Alessandro Petraglia
alessandro.petraglia [at] unipr.it
Ruolo
Partner
Nome
Consorzio Fra Le Cooperative Agro-silvo-pastorali Dell'appennino Parmense Comunita' Montana Parma Est Societa' Cooperativa A R.l. O In Forma Abbreviata "c.o.f.a.p. S.c.r.l."
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
COOPERATIVA DI LAVORO E SERVIZI PER LO SVILUPPO AGROSILVO- PASTO RALE ALPINA - SOCIETA' COOPERATIVA ENUNCIABILE ANCHE COOPERATIVA ALPINA
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Cooperativa Monte Navert Per Lo Sviluppo Agro-Silvo-Pastorale
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Cooperativa Val Parma Per Lo Sviluppo Agro-silvo-pastorale Societa' Cooperativa A Responsabilita' Limitata
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
DINAMICA s.c.a r.l.
Responsabile
Ruolo
Partner
Nome
Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano
Responsabile
Innovazioni
Descrizione

Il primo risultato concreto sarà quello di incrementare lo stock di C nelle piante di faggio stimolandone la crescita secondaria mediante diradamenti selettivi. Il secondo risultato sarà di incrementare lo stock di C nel comparto relativo al legno morto mediante il rilascio di piante in bosco e di individuare il metodo migliore di farlo in futuro. Il terzo risultato riguarderà l’incremento di C nei suoli determinato dall’aggiunta di biochar. Sarà inoltre stimato l’effetto del biochar sui tassi di decomposizione nel suolo, sulla germinazione e sulla crescita delle giovani piante di faggio e cerro per valutare eventuali effetti indesiderati del biochar nelle foreste. Altri risultati riguardano 1) l’individuazione della forma ottimale delle cataste di legna da realizzare durante le operazioni di esbosco per diminuire il tasso di decomposizione dei rami e 2) la valutazione dell’effetto del castagno come donatore di tannini che renderanno il legno di faggio più recalcitrante alla decomposizione. I risultati del presente progetto potranno essere trasferiti a tutte le faggete appenniniche e, con opportune verifiche, anche ad altre tipologie forestali. Gli utilizzatori finali sperimenteranno tecniche per gestire il bosco in modo sostenibile ed assicurare il futuro degli ecosistemi da cui dipendono in termini ambientali e in termini economici.