PAC post-2020

Report dell'AKIS Italia realizzato nell'ambito del progetto H2020 i2connect

Nell’ambito del progetto H2020 i2connect, di cui il CREA-PB è partner, è stato realizzato uno studio sullo stato di attuazione degli AKIS in Italia, con un particolare focus sui servizi di consulenza. Lo studio ha coinvolto diversi attori chiave degli AKIS italiani a livello nazionale e regionale (Organizzazioni professionali, Università, consulenti, RRN, amministrazioni, Istituti tecnici, enti di ricerca, ect ) e i prestatori di servizi di consulenza e supporto ai processi di innovazione. I risultati evidenziano la pluralità degli attori che compongono gli AKIS italiani e la diversità di questi ultimi, frutto, evidentemente della ricchezza e della varietà dei sistemi agricoli e, anche, socio-economici e ambientali delle aree rurali che contraddistinguono il Paese. Una pluralità di attori (es: ricercatore, imprenditore, consulente) la cui capacità di cooperazione e interazione all’interno dei sistemi rurali e agricoli è sicuramente in crescita e differenziata in relazione alla tipologia di attore, dei territori di provenienza e del quadro politico in cui operano. Il supporto politico alla cooperazione per l’innovazione sta sicuramente concorrendo al rafforzamento delle capacità e dei rapporti tra attori diversi e, in particolare, tra imprenditori agricoli e consulenti da un lato e il mondo della ricerca dall'altro. Emergono, inoltre, attori chiave degli AKIS che operano a livello nazionale e territoriale e che svolgono funzioni strategiche, di facilitazione della circolazione e della co-produzione di conoscenza, supportando l’innovazione e la transizione dei sistemi agricoli e rurali. Per quanto riguarda i consulenti, l'indagine condotta tra i prestatori di servizi fa emergere un livello non ancora soddisfacente di connessione con il mondo della ricerca e con le esigenze di conoscenza degli agricoltori (l'82% degli intervistati l'ha classificata come media o bassa). D'altra parte, i consulenti hanno un background forte e variegato che permette loro di affrontare una grande varietà di questioni, da un punto di vista tecnico e gestionale. Il 60% degli intervistati accede con sistematicità a programmi di sviluppo delle competenze, anche grazie alla formazione regolarmente organizzata dagli ordini professionali regionali.

Vai al sito i2connect per ulteriori informazioni 

Leggi l'articolo completo su Pianeta PSR

20 Novembre 2020